Western wear, che?

 
 
563db2a866d7d__gene-autry.jpg

In principio

Per noi italiani la moda Western è sinonimo di cappello da cowboy, fibbia e stivaloni a punta. In effetti, la moda Western deriva da quello stile inequivocabile che caratterizzava gli americani del West nel diciannovesimo secolo.

Pionieri e cowboy, soldati della Guerra Civile e vaqueros sono stati resi popolari anche dai Country Singer come Gene Autry negli anni '40 e '50.  Oggi però, il Western Wear, così definito negli Stati Uniti, è costituito da indumenti semplici come jeans e t-shirt, fino ad arrivare a giacche elaboratissime e ricche di dettagli.


Il cappello western

Fu il Boss della Pianura, John B. Stetson, a mettere per primo in commercio il cappello a falda larga tipico dei cowboy. Un cappello che ripara da sole, pioggia. Un cappello semplicemente irrinunciabile per chi vuole omaggiare lo stile western. La scelta di un particolare design e della piega, ci può donare una personalità unica, fino a renderlo un segno distintivo della nostra personalità.

Western Hat

westernshirt.jpg

camicia

La camicia è il capo western per eccellenza. Caratterizzata da ricami sul fronte e sul retro, di solito la vediamo in denim o in tartan, rigorosamente a maniche lunghe. Nella sua forma più moderna le tasche possono essere rovinate, può avere delle toppe e delle frange. La versione femminile può essere più lunga fino a diventare un vero e proprio abito, magari ricamato con fiori a contrasto. Basta guardare qualsiasi film degli anni '50 per vederla indossata da Roy Rogers. Deriva dagli elaborati costumi del Vaquero messicano, come la Guayabera e le camicie indossate da molti soldati confederati. Le vediamo ai rodeo e, a partire dagli anni 2000, sono state sdoganate e vengono frequentemente indossate da tutti. 

Un tipo comune di camicia Western è quella indossata dalla cavalleria dell'Unione durante la Guerra Civile Americana, originariamente derivate dalle camicie rosse dei vigili del fuoco dell'anteguerra: di lana blu con una decorazione gialla, fu inventata da George Armstrong Custer, famoso per la sua vanità. In tempi recenti questa camicia è diventata popolare con John Wayne in Fort Apache ed è stata indossata anche da musicisti rockabilly.


IMG_0319.jpg

stivali da cowboy

Ah, i Cowboy boots, croce e delizia di ogni amante dello stile western. Si riferiscono a uno stile specifico di stivali da equitazione, storicamente indossati, indovinate un po'... dai cowboy.

Sono caratterizzati da un tacco di tipo cubano, punta di ogni genere, gambale alto e, di tradizione, nessun laccio o cerniera. Di solito sono fatti di cuoio di bovino, ma si possono trovare con pelli più esotiche (alligatore, serpente, struzzo, lucertola, elefante, anguilla, bufalo, alce, e simili).

 Ci sono due stili di base per gli stivali da cowboy: western (classici) o roper. Lo stile classico si distingue per il gambale alto, circa a metà polpaccio, con un tacco angolato, solitamente più alto di un pollice (2,5 cm). Sono comuni anche tacchi più bassi, comunque angolati, più da "cammino". La punta degli stivali western originariamente era tonda o quadrata. La punta più famosa, quella "pointed", è apparsa nei primi anni '40. 

Un design più nuovo è lo stivale roper, con il gambale corto che si ferma prima della metà del polpaccio e un tacco più basso e squadrato, modellato sulla suola dello stivale, solitamente più basso di un pollice. Gli stivali roper solitamente hanno la punta tonda, ma, in base anche alla moda, si vedono spesso anche con la punta quadrata. Lo stile roper si fabbrica anche con i lacci, che di solito permettono una migliore vestibilità intorno alla caviglia e risultano più sicuri per la cavalcata. 


c1f1c035417efe5c464d8e54ea134111.jpg

giacca

La giacca Western per me è un'opera d'arte. Dalla redingote ai poncho, resi celebri da Clint Eastwood, dalle corte giacchette messicane ricamate in argento, per arrivare alle giacche con frange tipiche dell'outlaw country, del southern rock e delle band heavy metal degli anni '80. Ci sono anche i Duster Coat che fanno tanto vecchio West. Le interpretazioni moderne includono giacche di pelle ispirate alla cultura biker. Le donne indossano bolero di derivazione della Guerra Civile, scialli, giacche di denim o frangiate in stile Annie Oakley.

Le influenze più moderne promuovono anche una classica giacca a tre bottoni o uno stile militare. Johnny Cash, ad esempio, era noto per il suo outfit all black, in contrasto con l'elaborato look degli abiti di Nudie, indossati da Elvis e Porter Wagoner. Nudie Cohn e Manuel segnano il lavoro più elaborato nel mondo western, con ricami e diamanti (Rhinestone, i diamanti sintetici). Questo tipo di abbigliamento, reso popolare dai musicisti Country, dà origine all'espressione Rhinestone Cowboy.

 


Pantaloni

Agli albori del Selvaggio West i pantaloni erano fatti di lana in inverno, di canapa in estate. Durante la Corsa all'Oro del 1840 divenne popolare il denim, usato tra i minatori perché economico e leggero. Levi Strauss migliorò il design aggiungendo rivetti di rame e, nel 1870, il design fu adottato da rancher e cowboy. Il jeans originale Levi's fu seguito presto da Wrangler e Lee Cooper. Gli stessi erano spesso accessoriati con comode cinture dalle grandi fibbie. 

I copripantaloni in pelle erano indossati spesso per proteggere le gambe dei cowboy dalle spine dei cactus e per prevenire l'usura dei tessuti. Due tipi comuni: i copripantaloni aderenti da fucile e quelli larghi, ad ala di pipistrello. Apparvero nelle grandi pianure verso il 1887. 

Le donne indossavano gonne sotto il ginocchio (vi ricordate la Casa nella Prateria?), tessuti a quadri rossi o blu e gonne scamosciate con frange, di derivazione nativo-americana. Le donne dei saloon indossavano corti abiti rossi con corsetti, giarrettiere e calze. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, molte donne, tornando a casa dopo aver lavorato nei campi o nelle fabbriche al posto degli uomini, cominciarono a indossare i jeans come loro.

3172174f0437d947112ca464e479e396.jpg

e4dc86e3fc4a581ce1a202b3b697b8ba.jpg

Bolo Tie

Nell'era Vittoriana, i gentiluomini indossavano cravatte per ingentilire e abbellire il loro abbigliamento. Questa tradizione è continuata anche all'inizio del XX secolo. A seguito della Guerra Civile tra la working class diventò più comune annodare una bandana attorno al collo per assorbire il sudore e per tenere lontana la polvere. Questa pratica si originò durante la guerra messicana. 

Il bolo tie fu invenzione di un pioniere che trovò un altro uso del nastro per cappello. Era il preferito dei giocatori d'azzardo e fu adottato dai charros, i cowboy messicani. Il papillon Kentucky invecesottile, si vede spesso indossato dai gentiluomini del Sud come il Colonnello Sanders  (quello della celebre catena Kentucky Fried Chicken) e Boss Hogg (The Dukes of Hazzard). Oggi funge da accessorio formale in molti stati americani, specialmente nel Montana, New Mexico e Texas.